Foto: Childream Football Club
Foto: Childream Football Club

“Prima amici, poi compagni di squadra”: quando il team diventa una famiglia

Una squadra ben organizzata è una squadra felice, in cui calciatore, allenatore e genitori si divertono insieme e vivono in armonia. Pura utopia? Assolutamente no: ce lo spiega Giuseppe Piscopo, uno dei nostri Sponders.

Passione, spensieratezza, divertimento. Il tutto condito da un clima familiare e solare, in cui allenatore e genitori vivono in armonia facendosi trasportare dall’entusiasmo dei bambini. E’ questo l’ambiente di lavoro di Giuseppe Piscopo, un giovanissimo allenatore che da quasi un anno si occupa della categoria 2011/2012 Childream Football Club, una scuola calcio di Giugliano in Campania (Na).

Giuseppe è uno dei nostri Sponders: da qualche mese utilizza la nostra app, che, come racconta lui stesso, lo aiuta non solo ad avere sempre il quadro completo dei presenti, riuscendo così ad organizzare al meglio ogni allenamento, ma anche ad evitare lo stress di continui e invadenti messaggi nei gruppi di WhatsApp.

Abbiamo chiesto a Giuseppe di raccontarci la vita della sua squadra e di come Spond ha reso più semplice il suo essere allenatore. Ecco cosa ci ha raccontato.

Ciao Giuseppe! Ci descrivi la tua vita da allenatore e la tua squadra?

Sono istruttore della Childream Football Club dallo scorso maggio. Alleno la categoria dei “Piccoli Amici” 2011/12, ma aiuto anche come secondo nella categoria 2010. La mia squadra di campioncini è un mix di solarità, divertimento e soprattutto passione, che traspare dall'inizio fino alla fine dell'allenamento, e trova la massima espressione nelle partite, durante le quali i bambini cercano di dimostrare quello che hanno imparato nell'allenamento con una spensieratezza tale da travolgere sia me sia i genitori: si divertono imparando e soprattutto si vogliono bene a vicenda, proprio come una vera a e propria squadra.

Ti relazioni spesso con i genitori? Riscontri problemi con loro?

Con i genitori dei piccoli c'è davvero un rapporto meraviglioso: è anche questo che crea tra i bambini un ambiente familiare e spinge loro a volersi bene, prima come amici e poi come compagni di squadra. Alcuni genitori danno addirittura una mano a noi istruttori, sono sempre a disposizione per qualsiasi cosa.

Qual è la difficoltà più grande della vita di un allenatore?

Credo che sia riuscire ad accontentare tutti i bambini allo stesso modo: ce ne sono alcuni che vorrebbero fare sei ore di allenamento consecutive al giorno, altri che vorrebbero lo stesso, ma hanno altri impegni oltre al calcio. E’ impegnativo anche riuscire a consolare un bambino dopo una sconfitta o per non aver "fatto gol": in questo caso cerco di far capire che l'importante non è vincere e segnare, ma divertirsi.

È difficile conciliare la vita da allenatore con la vita privata?

È molto difficile: io, per esempio, frequento l'università e gioco a calcio, ma  dopo una giornata intensa di studi, non c'è cosa più bella di rivedere il sorriso dei bambini che non vedono l'ora di allenarsi insieme a te, e che muoiono dalla voglia di imparare cose nuove di divertirsi insieme al mister. Questo mi spinge ad essere sempre più a disposizione dei miei piccoli campioni.

In questa vita così piena di impegni, Spond ti aiuta in qualche modo? Se sì, come?

Spond mi ha aiutato molto con l'organizzazione degli allenamenti e delle partite e soprattutto per verificare quali bambini saranno presenti, in modo da poter organizzare tutto al meglio.

Qual è la funzionalità di Spond che preferisci?

La funzione che preferisco di Spond è proprio quella di poter organizzare eventi, tra cui allenamenti e partite e poter avere una risposta immediata tramite una notifica.

Come hanno accolto Spond calciatori e genitori?

Chi ha scaricato Spond pensa che sia una comodità e si trova bene: avere un'applicazione interamente dedicata alla scuola calcio è meglio che ricevere sempre messaggi fastidiosi su WhatsApp.

Consiglieresti l'app ad altri allenatori?

Assolutamente sì, semplifica tutto e soprattutto fornisce un feedback immediato da parte dei genitori: in questo modo, puoi organizzare al meglio partite, allenamenti, raccolte fondi e tanto altro.

Indietro
  • #allenatore
  • #sponders
Altri contenuti