“Ora comprendiamo meglio i nostri figli e l’allenatore”: i benefici del Calcio delle Mamme

Il calcio come svago, divertimento e motivo di amicizia. Ecco le Mamme Calcio di Enna: un gruppo di appassionate giocatrici, che hanno scoperto l’amore per questo sport e i suoi benefici grazie ai propri figli.

Sono donne, mamme, mogli, lavoratrici. E adesso anche calciatrici. Sono le "Mamme Calcio Enna", un gruppo di ragazze che grazie allo sport praticato dai propri figli, hanno scoperto la bellezza di correre dietro a un pallone, e ci hanno preso gusto. Ecco cosa ci hanno raccontato.

1.Ragazze, raccontateci com’è nata l’iniziativa di creare questa squadra...

Tutto è iniziato per caso, da un'idea di alcune mamme e del Mister dei nostri ragazzi: si propose, infatti, come chiusura dell'anno calcistico una partitella mamme contro figli e mamme contro papà. Da lì in poi non ci siamo più fermate, formando una squadra dove man mano si aggiungevano altre mamme fino a diventare una bella realtà della nostra città. Ancora oggi il motivo che ci spinge a continuare è la voglia di metterci ancora in gioco, di sfatare un luogo comune dimostrando che una donna può essere mamma, moglie, lavoratrice e anche "atleta", riuscendo a conciliare il tutto come solo noi donne sappiamo fare. Poi, è anche motivo di sfogo che permette di allontanare almeno per un po' problemi e pensieri che nella vita di ognuno di noi non mancano mai. Un altro aspetto molto importante è che questa realtà è anche motivo di interazione con diverse persone, diventate amiche e complici: lo spirito giusto per far si che una "squadra" abbia il senso giusto. E quindi: W le donne, W le amiche, W le Mamme Calcio.

2. Come si compone la vostra squadra? Quante siete, ruoli ecc.

Al momento purtroppo la squadra è formata da pochi elementi perché c'è chi ha subito interventi (non legati all'attività) e chi è in dolce attesa. I ruoli sono i classici del gioco del calcetto (portiere, difensore, 2 ale e una punta), anche se non sempre riusciamo a mantenerli...

3. Vi incontrate settimanalmente? Svolgete degli allenamenti insieme?

Non sempre riusciamo a svolgere allenamenti settimanali perché prima di tutto siamo mamme e quindi la priorità va ai figli e alla famiglia. Ma quando ci incontriamo svolgiamo insieme gli allenamenti.

4. Sapevate già giocare prima o eravate alla prima esperienza?

Il bello di questa avventura che nessuno di noi aveva mai giocato a calcio, anche se alcune di noi avevamo praticato altri sport. Ma questo non ci ha fermato,anzi è stata una sfida con noi stesse.

5. Ogni quanto si svolgono le partite? Avete un vero e proprio campionato?

Noi preferiamo fare solo il Campionato Mamme perché è questo quello che ci rappresenta e le partite si svolgono settimanalmente.

6. Cosa ne pensano i vostri bambini di questa iniziativa? E i mariti/compagni?

I figli e mariti sono i nostri più grandi sostenitori!


7. Donne, mamme, lavoratrici, calciatrici. Come organizzare tutti gli impegni?

Come detto prima, riusciamo a ritagliarci del tempo da dedicare all'attività compatibilmente con gli impegni familiari… ma non molliamo mai!

8. Giocare a calcio vi fa capire meglio cosa rappresenta questo sport per i vostri figli?

Giocare a calcio ci serve anche ad identificarci con i nostri figli e capirli meglio, perchè il gioco è un modo di lasciarsi dietro ogni problematica per noi adulti e ogni tipo di stress per i nostri ragazzi.

9. Spesso, quando intervistiamo gli allenatori, ci dicono che uno dei loro problemi più grandi è gestire i genitori, perché spesso ripongono troppe aspettative nei loro figli calciatori o perché contestano le decisioni dell’allenatore. Cosa ne pensate di questi atteggiamenti? Questa esperienza vi aiuta a comprendere meglio anche gli allenatori dei vostri figli?

Sicuramente riusciamo a capire il lavoro di ogni allenatore che deve sempre essere indirizzato al bene della squadra tutta e non al singolo giocatore, perchè poi alla fine i frutti del lavoro sono a beneficio di tutti.

Indietro
  • #genitori
  • #mammecalcio
Altri contenuti