La miglior formazione per insegnare il calcio ai piccoli

Ci sono allenatori che cercano la formazione perfetta per vincere una partita. E poi ci sono quelli che usano gli schemi per insegnare ai loro ragazzi il gioco del calcio, fatto bene. Vediamo qual è il metodo migliore

Se stai leggendo questo articolo, è molto probabile che tu sia qui per il motivo sbagliato. Di sicuro, non troverai la ricetta della miglior formazione per vincere una partita di calcio, né riferimenti alla Serie A o all’esperienza di allenatori milionari e pluripremiati. Ciò che troverai, invece, è un insieme di indicazioni per insegnare ai ragazzi a giocare. E, ti assicuriamo, spesso le due cose non coincidono. Sorprendente, vero?

Ecco, allora, una piccola sintesi che insegna ai giocatori quali processi mentali attivare in campo e come prendere le giuste decisioni in pochissimo tempo, solo guardando i compagni. Il tutto, rendendo più facile anche il passaggio tra le varie fasce d’età.

Formazione a diamante

In questa fase, l’obiettivo è quello di mantenere le cose davvero semplici per tutti i bambini. Questo non significa limitarne l’attività o il pensiero creativo, ma insegnare ai ragazzi le basi del gioco e alcuni dei processi mentali necessari per comprendere quali passaggi fare. Per arrivare a ciò, iniziamo insegnando ai ragazzi a passarsi la palla secondo la forma del diamante. Sappiamo tutti che questa pietra preziosa è formata da quattro punti: uno in alto, uno a sinistra, uno a destra e uno in basso.

Quindi, supponiamo che la palla sia nel punto in basso, e che vogliamo portarla in quello punto più alto, cioè vicino alla porta dell'avversario. Se quel passaggio è disponibile e sicuro, è quello che i ragazzi dovranno fare. In caso contrario, passeranno a sinistra o a destra al giocatore libero. Ora, quel giocatore dovrebbe provare a portare il pallone verso la punta del diamante. Altrimenti, semplicemente può passarlo indietro o di lato. Questo gioco continuerà fino a quando i ragazzi non saranno in grado di portare la palla al punto più alto, quindi verso la porta avversaria. La forma di questo gioco insegna, in modo naturale, tre direzioni di passaggio: avanti, di lato e indietro.

Questo è particolarmente importante nella zona di centrocampo: spesso, la squadra che riesce a controllare il centrocampo è quella che avrà maggior successo.

8 contro 8

Ora i giocatori hanno scoperto come muoversi sulla base del “diamante”, sarà più facile gestire il passaggio ad una squadra e a un campo più grandi. Per giocare 8 contro 8, posiziona semplicemente i giocatori in modo da formare più diamanti e a ripetere i processi fatti nel 5 vs 5.

11 contro 11

I tuoi giocatori stanno diventando grandi ed è arrivato il momento di fare il grande passo: giocare 11 contro 11! Usando il 3-4-3, puoi replicare ciò hai insegnato loro per anni. Questa formazione distanzia equamente la squadra e ti permette anche di spingere uno dei tre là davanti ancora più in alto, e mantenere così l’utilizzo dei triangoli. Dato che rinunci a un giocatore in difesa, i difensori devono essere pronti a rispondere rapidamente e a lavorare sulla comunicazione. Inoltre, i centrocampisti devono essere disposti a tornare indietro e ad aiutare a difendere quando necessario. Tra i vantaggi del 3-4-3 c’è quello di permettere di esercitare una forte pressione nel terzo campo avversario.

Questa formazione incoraggia anche i giocatori a muoversi come una squadra, a mantenere la forma del diamante e ad andare avanti e indietro per mantenere la forma corretta.

Indietro
  • #formazione
  • #allenamento
  • #calciogiovanile
Altri contenuti